Scoprire Vercelli (ita)

VERCELLI: UN VIAGGIO TRA ARTE E CULTURA

Città dal fascino discreto, conosciuta soprattutto per l'appellativo di "capitale europea del riso”, Vercelli è in realtà una delle città più interessanti del Piemonte e, quasi certamente, una delle più ricche per tesori e capolavori artistici. Visitarla sarà una magnifica sorpresa!

ABBAZIA DI SANT'ANDREA

Simbolo della città da più di 800 anni, l’Abbazia di Sant’Andrea è un eccezionale esempio di fusione di elementi romanici e gotici. Eretta tra il 1219 e il 1227 per volontà del cardinale Guala Bicchieri, presenta una maestosa facciata impreziosita dallo splendido rosone e dalle raffinate lunette sui tre portali e un sorprendente interno, sobrio ed elegante, a tre navate con volte a crociera, un altissimo transetto e l'ampio presbiterio. L'abbazia custodisce, oltre ad un magnifico chiostro, una delle sale capitolari più belle d’Italia dove nel 1310, alla presenza dell'imperatore Enrico VII, venne firmata la pace tra guelfi e ghibellini vercellesi.

CATTEDRALE DI SANT'EUSEBIO

L'imponente Cattedrale di Sant’Eusebio, altro simbolo cittadino, fu eretta come basilica cimiteriale probabilmente dallo stesso Eusebio, primo proto-vescovo di Vercelli e ricostruita più volte nel corso dei secoli. Da ammirare la facciata barocca settecentesca sormontata dalla grande cupola realizzata nell'ottocento e il campanile medievale. All’interno, sospeso al centro della navata maggiore, è collocato uno splendido crocifisso in lamina d’argento di epoca ottoniana, considerato uno dei più importanti esempi di arte sacra del Medioevo.

CHIESA DI SAN CRISTOFORO

La chiesa di San Cristoforo è un piccolo gioiello cittadino che custodisce alcune preziose opere del talentuoso Gaudenzio Ferrari. La chiesa, conosciuta anche come la Cappella Sistina di Vercelli, è completamente affrescata e conserva al suo interno alcuni dei più importanti capolavori del Rinascimento piemontese come la pala della Madonna degli Aranci, le Storie di Maria Maddalena, le Storie di Maria Vergine, la Crocifissione e l'Assunzione della Vergine.

I MUSEI DI VERCELLI

A Vercelli si trova il Museo Borgogna, che espone circa 800 opere tra cui arredi, dipinti e sculture che vanno dal Rinascimento fino al XX secolo. Il Museo del Tesoro del Duomo custodisce invece un’incredibile collezione di oggetti sacri e alcuni tra i codici manoscritti più importanti al mondo, come il Vercelli’s Book, scritto interamente in lingua anglosassone antica. Da non perdere anche il Museo Leone, che ospita un'eccezionale collezione di armi, manufatti, arredi e importanti reperti storici cittadini e, infine, il MAC (Museo Archeologico Civico) che raccoglie più di 600 reperti di epoca romana e illustra la storia dell’antica Vercellae.

IL CENTRO STORICO: TORRI MEDIEVALI, PIAZZE E PALAZZI NOBILIARI

L’antico centro cittadino è un insieme di vie commerciali, vicoli e piazze dei secoli passati che recano ancora una traccia ben visibile dell’antica urbanistica cittadina. Considerata uno tra i più importanti centri del nord Italia in epoca medievale, Vercelli, conserva ancora intatte nel proprio tessuto urbano alcune tracce di questo glorioso passato. Le più significative sono senz'altro le torri medievali, veri e propri simboli di potere civico e familiare, che fanno di Vercelli l’unica città turrita del Piemonte. Ne è un esempio la magnifica Torre dell'Angelo, il cui nome è legato a molte leggende, che si affaccia sulla centrale Piazza Cavour. La piazza, da sempre cuore economico e pulsante della città e probabile sede dell'antico foro romano, è completamente circondata da portici e deve il suo nome al monumento che si erge al centro dedicato al conte Camillo Benso. A poca distanza si trova Piazza Palazzo di città, conosciuta anche come piazza dei pesci, per via del mercato ittico che qui si svolgeva, che conserva l'antico broletto, sede del comune cittadino tra il Duecento e l'Ottocento. A poca distanza lungo via Duomo si affacciano alcuni tra i palazzi nobiliari più belli della città. Degni di nota sono Palazzo De Rege Thesauro, che presenta una facciata completamente decorata in terracotta; Palazzo Avogadro della Motta, dove Napoleone fu ospitato due volte; Palazzo Buronzo d'Asigliano, splendido esempio neoclassico. Altri interessanti palazzi nobiliari si possono ammirare lungo Corso Libertà, importante via commerciale che attraversa tutto il centro storico. Qui si trovano Casa Centoris e Casa Tizzoni, antiche caseforti medioevali, che custodiscono rispettivamente un elegante cortile bramantesco e un salone riccamente affrescato. Da non perdere poi i suggestivi vicoli come via Foa, che un tempo ospitava il ghetto ebraico cittadino, dove si può ammirare la stupenda Sinagoga in stile moresco.

ENOGASTRONOMIA

Il capoluogo vercellese non cela solo tesori e capolavori artistici. Anche la gastronomia tipica, semplice e gustosa, è una piacevole scoperta ed è in grado di soddisfare persino i palati più esigenti. Da non perdere: la Panissa, piatto tipico a base di riso, fagioli, salam d’la duja e cotica di maiale; i Bicciolani, fraganti biscotti al profumo di cannella, garofano e coriandolo; i corposi vini rossi, prodotti nelle vicine terre del Gattinara, riconosciuti tra i migliori vini d’Italia per delicatezza e armonia.

RISAIE CICLABILI E VIA FRANCIGENA

Per gli amanti del turismo lento e della vita all'aria aperta, Vercelli regala diversi percorsi che, a piedi o in bicicletta, conducono lungo le strade del riso e permettono di scoprire l'affascinante panorama del "mare a quadretti” che circonda la città. Ricche di testimonianze architettoniche, paesaggistiche e ingegnose opere idrauliche, le risaie regalano scorci mozzafiato in ogni stagione.

Gli appassionati delle due ruote hanno a disposizione diversi itinerari cicloturistici, come le risaie ciclabili, per scoprire la campagna vercellese e alcuni suoi tesori come le Grange, i parchi naturali e le tante aziende agricole e riserie che da generazioni si dedicano alla coltura del riso.

Per chi ama camminare è possibile percorrere un tratto della Via Francigena. Vercelli, da sempre un punto di passaggio obbligato per chi si reca in pellegrinaggio a Roma, è un importante tappa di questo cammino di fede, che può essere percorso da tutti, e rappresenta un modo alternativo per scoprire la ricchezza del territorio che attraversa.

Vuoi saperne di più su Vercelli e il suo legame con il riso? Scopri tutti gli Itinerari del riso nei dintorni della città!

Cattedrale di Sant'EusebioAbbazia di Sant'AndreaChiesa di San CristoforoTorre dell'Angelo
 
(ita)