Scopa – Monte Ventolaro

Scopa – Monte Ventolaro

TipologiaEscursionismo

Partenza (m):622

Arrivo (m):1835

Dislivello in salita (m): 1213

Tempo di percorrenza: 4,00 ore

Difficoltà: difficile

Segnavia: n. 226

Escursione a piedi

Periodo consigliato: dalla primavera all’autunno

L'itinerario inizia di fronte al Municipio di Scopa seguendo la mulattiera che porta all'Alpe Pian del Sasso. Si prosegue attraverso il bosco di faggi e si incontra l'Alpe Ca'di Cappello, l'Alpe Ca'del Vaga, l'Alpe Ca'd'Elena, l'Alpe Piana di Biagio. Il sentiero, rientrato nel bosco, supera il bivio per Frasso, raggiunge l'Alpe Ticcarello, l'Alpe Giavine e l'Alpe Scotto. Subito dopo raggiunge la Bocchetta di Scotto, situata tra il Monte Ventolaro e Sasso delle Gaie. Da qui il percorso volta a sinistra sulla cresta nord-est del Ventolaro, dorsale che divide la Valle del Sesia dalla Valle Sermenza. Si passa a monte dell'Alpe Casere, poi dal Colmetto e dalla località Partús, portandosi sopra il versante del Vallone della Balme, per raggiungere nuovamente la cresta e quasi subito la pascolosa vetta del Ventolaro.