Riva Valdobbia Val Vogna – Alta Via dei Walser

Val Vogna – Alta Via dei Walser

TipologiaSentieri dell'arte

Partenza (m): 1354

Arrivo (m): 1500

Dislivello (m): 146

Tempo di percorrenza: 1h30m

Difficoltà: facile

Escursione a piedi

Periodo consigliato: dalla primavera all’autunno

Punti di appoggio: Rifugio Valle Vogna, Casalpina Regina Margherita, Baita Prato della Croce, Agriturismo Edelweiss

Segnavia: 210 (ex 10) e sentiero non segnalato dal CAI

Itinerario: percorso che si snoda in una delle più pittoresche valli, lungo il torrente Vogna. Raggiungere Cà di Janzo con l’auto, abbandonando a Riva Valdobbia la statale che conduce ad Alagna e svoltando a sinistra. Si sale a piedi tra le case seguendo il sentiero n. 10 e in 30 min. si raggiunge Selveglio. Si abbandona dunque il sentiero n. 10 e ci si dirige verso Oro e la succesiva frazione Cà Vescovo. A un crocevia in cui si incontrano 2 sentieri, ci si imbatte in fraz. Rabernardo, dove sorge il Museo Etnografico. Trascurando il sentiero che scende a S. Antonio, si sale verso i prati sovrastanti e superato il casale del Selletto si giunge a Cambiaveto, di fronte a fraz. Piane, da cui si scende verso Peccia, frazione appena prima del ponte detto "napoleonico” e della biforcazione che conduce all’alpe Maccagno.

Si ritorna dunque a Cà di Janzo attraverso una strada sterrata e passando da Sant’Antonio, Cà Verno, Cà Morca, Cà Piacentino. Negli ultimi tornanti prima di raggiungere Riva Valdobbia si ha una splendida veduta della parete valsesiana del Monte Rosa.

Punti di interesse: un itinerario che consente di ripercorrere le testimonianze dell’arte religiosa, ma soprattutto della tradizione walser, anche grazie al Museo Etnografico sito in Frazione Rabernardo.