Il Puncetto Valsesiano

Il Puncetto Valsesiano

Nessuno può dire il nome di chi ha realizzato il primo puncetto e neppure quando ciò sia avvenuto: l’unica cosa certa è che si tratta di un’arte inventata dalle donne valsesiane di un tempo che, seppure segnate dagli sforzi e dalle fatiche quotidiane, hanno saputo creare capolavori di precisione e pazienza.

Il puncetto si tramanda da secoli e da sempre si realizza utilizzando solo ago e filo, unendo fra di loro migliaia di piccoli nodi e creando, con il susseguirsi di pieni e di vuoti, i preziosi ricami che andavano poi ad ornare vestiti, mobili e finestre. Si dice che per i disegni traessero ispirazione dall’osservazione del mondo circostante, come per esempio i cristalli di ghiaccio che compongono i fiocchi di neve. La Bottega Artigiana di Varallo, le varie esposizioni permanenti e temporanee sono occasioni per ammirare questi manufatti, semplici e al tempo stesso sublimi. Ma il puncetto è soprattutto vita quotidiana più che pezzo da esposizione e ogni casa della valle che conserva il corredo della bisnonna, le tendine fatte dalla zia o i primi lavori della figlia che sta apprendendo la tecnica potrebbe essere un piccolo museo.