Dal Parco delle Lame del Sesia alle Terre di Baraggia

Itinerari

TipologiaArte e cultura

Periodo consigliato: Primavera – Autunno

Durata: 1 o 2 giorni

Se vuole comprendere la ricchezza del territorio vercellese non può non addentrarsi nella zona tra il Parco delle Lame del Sesia di Albano Vercellese e i territori della Baraggia su cui domina Buronzo.

A poco più di 20 minuti da Vercelli, all’altezza del comune di Albano Vercellese si trova il Parco Naturale delle Lame del Sesia che si estende per 8 Km lungo le sponde del fiume Sesia. E’ un’ importantissima riserva naturalistica con oltre 500 specie vegetali, mentre tra quelle animali solo 140 sono volatili.

Prima di giungere ad Albano si consiglia una piccola deviazione per Quinto Vercellese,  avamposto di una delle più importanti famiglie nobiliari della zona: gli Avogadro. Da segnalare: il Castello degli Avogadro(XII-XIV secolo), restaurato recentemente (e attualmente) aperto solo in occasione di eventi e la chiesa parrocchiale dei Santi Nazario e Celso, piccolo gioiello del X secolo affrescato e in parte rimaneggiato in età gotica.

Dalla stessa Albano è possibile, deviando dalla strada principale, raggiungere in poco più di 10 minuti di macchina Balocco, antico insediamento di grande importanza fin dal X secolo, dove vale la pena non solo ammirare esternamente il Castello, ma soffermarsi anche presso l’antica chiesa di San Michele Arcangelo, splendido edificio romanico dell’XI secolo al cui interno è conservato un trittico attribuibile alla bottega del noto pittore Giovenone.

Procedendo per altri 5 minuti oltre Balocco si giunge dunque ai confini con le cosiddette "Terre di Baraggia”.  La Baraggia rappresenta il territorio dell’alta pianura vercellese costituito prevalentemente da altopiani di origine glaciale, oggi raggruppati e protetti all’interno della Riserva Naturale Orientata delle Baragge. Ai visitatori le baragge offrono numerose possibilità di sentieri e sterrati percorribili a cavallo, a piedi o in mountain bike, alla scoperta del suo ecosistema.

In mezzo al territorio di Baraggia sorge la cittadina di Buronzo, che domina sul territorio circostante grazie al suo Castello, dal cui loggiato si può godere di un panorama a perdita d’occhio sulle Baragge limitrofe. Di fondazione antica, il Castello rappresenta ancora oggi uno splendido esemplare di castello consortile i cui signori durante i secoli hanno incrociato le vicissitudini di personaggi illustri come Federico Barbarossa e Amedeo VI di Savoia. Da segnalare infine la chiesa parrocchialedi S. Abbondio già testimoniata nel XIII secolo e ricostruita nel 1703; all’interno conserva anch’essa un opera della scuola del Giovenone.