Altre lavorazioni

Altre lavorazioni

Meno diffuse ma altrettanto importanti e significative sono alcune lavorazioni praticate sia in Valsesia che nel Vercellese.

Il marmo finto, una tecnica decorativa davvero unica che sopravvive a Rima, nata per far fronte alla carenza ed ai costi elevati di quello naturale.

La lavorazione della pietra ollare, che come il legno veniva una volta utilizzata per la produzione di vasellame e stoviglie; oggi prende forme innovative e fantasiose come ciondoli, giocattoli, casette. Questo materiale si può trovare in Valsesia nelle cave ormai dimesse, come la zona di Stofful, sopra Alagna. Sono un paio di persone che a Varallo e ad Alagna portano avanti questa opera.

E poi ancora il vetro, dal quale nascono pezzi unici di ogni genere: da piccoli oggetti come piatti, posacenere, incensiere, bracciali, ciondoli, a prestigiosi paralumi, a stupende vetrate artistiche.

Il ferro battuto che spesso trasforma semplici ringhiere o cancellate in vere opere d’arte.

Anche la costruzione ed il restauro di strumenti musicali ha solide basi nel nostro territorio; a Borgosesia e
Varallo operano esperti liutai, mentre Vercelli è nota per la produzione di fisarmoniche fra le più pregiate al mondo. "Coperfisa” è nata nel 1921 come "Coopè Armoniche”, dall’unione in cooperativa di botteghe artigiane produttrici di fisarmoniche. Nonostante le tante difficoltà durante e dopo la guerra, gli artigiani con caparbietà hanno superato la crisi e oggi si sono affermati sui mercati esteri: Francia, Germania, Portogallo e Brasile. Su ogni strumento c’è scritto inciso a mano con perle "Vercelli”; l’esecuzione è artigianale: le voci vengono lavorate a mano e inchiodate su pelle o incerate sulle somiere, l’accordatura è realizzata a mano da esperti che utilizzano frequenzimetri elettronici. L’esperienza tradizionale ha dunque trovato la moderna dimensione per proporre sonorità uniche in tutti i modelli.